Forex

 

STORIA

Forex, o FX, è l’abbreviazione che si utilizza per indicare il mercato delle valute estere, un mercato in cui si effettua la compravendita delle varie valute mondiali. È un mercato interbancario che è stato creato nel 1971, quando il mercato internazionale è passato da tassi di cambio fissi a fluttuanti. Come risultato del suo incredibile volume e fluidità, il mercato FX è diventato il più grande e più significativo mercato finanziario al mondo.
Qui vi sono alcune caratteristiche uniche che sono la sorgente del suo successo:

  • Il mercato Forex opera 24 ore su 24
  • Liquidità superiore: il giro d’affari giornaliero del mercato FX – oltre 4 trilioni di Dollari – rende facile negoziare gran parte delle valute istantaneamente
  • Puoi trarre vantaggio dai mercati in salita e in calo
  • Puoi trarre vantaggio dal trading con leva con requisiti di margine bassi
  • Vi sono strumenti standard disponibili per aiutarti a controllare l’esposizione al rischio
  • Trasparenza eccellente: il mercato Forex è trasparente… devi solo essere informato
 

IL TASSO DI CAMBIO

Il Forex gioca il ruolo indispensabile di determinare i tassi di cambio globali. Il tasso di cambio è il numero di unità della valuta di una nazione che devono essere scambiate in modo da ottenere un unità di un’altra valuta di un’altra nazione. Il tasso di cambio di mercato tra due valute è determinato dall’interazione dei partecipanti ufficiali e privati al mercato del tasso di cambio della valuta estera.

 

I PARTECIPANTI AL MERCATO

I principali partecipanti al mercato Forex sono: le banche centrali, le banche commerciali, le istituzioni finanziarie, i fondi speculativi (o Hedge), le compagnie commerciali e gli investitori singoli. Le ragioni per cui essi partecipano al mercato Forex sono:

Trarre vantaggio dalle fluttuazioni nelle coppie di valute (speculare)
Protezione dal cambio fluttuante nelle coppie di valute, che è derivato dal trading di beni e servizi (o hedging)

Con lo sviluppo tecnologico, il web è diventato un grande mediatore di trading, poiché può fornire accesso a tutte le ultime notizie Forex, tecnologie e strumenti, sia agli investitori individuali che ai traders.

 

ANALISI FONDAMENTALI

IMPARA TUTTO SULL’ANALISI FONDAMENTALE

L’Analisi fondamentale tratta lo studio degli indicatori economici, i fattori sociali e le politiche governative internazionali che aiutano i trader Forex e CFD a fare previsioni sui movimenti e le tendenze del mercato.

  • Cosa è l’Analisi fondamentale
  • Indicatori Economici Principali
 

COS’È L’ANALISI FONDAMENTALE?

L’analisi fondamentale è un metodo che cerca di prevedere il valore intrinseco di un investimento. Essa è basata sulla teoria che il prezzo di mercato di una risorsa tende a spostarsi verso il suo “valore reale” o “valore intrinseco”.

Nel Forex, l’analisi fondamentale implica il prevedere il valore del prezzo di una valuta e delle sue tendenze di mercato, analizzando le condizioni economiche correnti, le politiche di governo e i fattori sociali all’interno di un ciclo d’affari di una struttura (o framework). I traders Forex misurano lo stato economico di una nazione esaminando degli indicatori macroeconomici che includono:

  • Annuncio dei tassi d’interesse
  • Prodotto interno lordo (PIL)
  • Indice dei prezzi al consumo (inflazione) e indicatori di spesa
  • Indicatori occupazionali
  • Commercio al dettaglio e Indice fiducia consumatori
  • Bilancio del surplus del commercio o del deficit
  • Politica fiscale e monetaria del Governo

Consultare la nostra pagina degli indicatori economici per scoprirne di più sui diversi indicatori e i loro effetti sui mercati.

Vantaggi dell’analisi fondamentale

Determinare il valore intrinseco di un investimento

Identificare le opportunità di mercato a lungo termine

Inconvenienti dell’analisi fondamentale

I numerosi indicatori macroeconomici e indici possono confondere gli investitori meno esperti.

 

I PRINCIPALI INDICATORI MACROECONOMICI

Gli indicatori macroeconomici sono statistiche che indicano la condizione attuale dell’economia di uno stato in funzione di una particolare area dell’economia (industria, lavoro, mercato, commercio, ecc.). Sono pubblicati regolarmente in un determinato momento da agenzie di governo e dal settore privato.

Markets.com fornisce un calendario economico per le date di annunci ed eventi fondamentali. Se usati nel modo giusto, questi indicatori possono essere una risorsa preziosa per qualsiasi trader Forex.

In verità, queste statistiche aiutano i traders Forex a misurare “il polso” dell’economia: perciò non è sorprendente se queste statistiche sono seguite scrupolosamente da quasi tutti nei mercati finanziari. Dopo la pubblicazione di questi indicatori possiamo osservare la volatilità del mercato. Il grado di volatilità è determinato in base all'importanza di un indicatore. Per questo motivo è importante capire quale indicatore è significativo e cosa rappresenta.

  • Annuncio dei Tassi d’interesse

    I tassi d’interesse giocano il ruolo più importante nel movimento dei prezzi delle valute nel mercato delle valute estere. Dal momento che le istituzioni decidono i tassi d'interesse, le banche centrali sono, quindi, le parti più influenti. I tassi d’interesse dettano i flussi d’investimento. Poiché le valute sono le rappresentazioni dell’economia di una nazione, le differenze nei tassi d’interesse influiscono sul valore relativo di una valuta rispetto ad un'altra. Quando le banche centrali variano i tassi d’interesse, causano movimento e volatilità nel mercato Forex. Nell'ambito del Forex, un’accurata speculazione sulla condotta delle banche centrali può accrescere le possibilità di un trader di effettuare negoziazioni con profitto.

  • Prodotto Interno Lordo (PIL)

    Il PIL è il dato più chiaro dell’economia di una nazione, e rappresenta il valore di mercato totale di tutti i beni e servizi prodotti in una nazione in un anno. Poiché i dati del PIL sono spesso considerati indicatori in ritardo, la gran parte dei traders si concentra sui due rapporti che vengono pubblicati nei mesi precedenti ai dati finali del PIL: il rapporto anticipato (o advance) ed il rapporto preliminare. Revisioni significative tra questi due rapporti possono causare una considerevole volatilità.

  • Indice dei prezzi al consumo

    L’Indice dei prezzi al consumo è probabilmente l’indicatore più importante dell’inflazione. Esso rappresenta i cambi nel livello dei prezzi al dettaglio per i beni primari ai consumatori. L’inflazione è legata direttamente al potere d’acquisto di una moneta all’interno dei propri confini e influisce sulla sua posizione nei mercati internazionali. Se l’economia si sviluppa in condizioni normali, l’aumento nell’Indice dei prezzi al consumo può portare ad un aumento dei tassi d’interesse. Tutto questo, a sua volta, porta ad un aumento della convenienza di una valuta.

  • Indicatori d’occupazione

    Gli Indicatori d’occupazione riflettono la salute generale di un'economia o ciclo d’affari. Per capire come funziona un’economia, è importante sapere quanti posti di lavoro sono creati o persi, quale percentuale della forza lavoro sta lavorando attivamente e quanta nuova gente richiede l’indennità di disoccupazione. Per il calcolo dell’inflazione, è importante anche controllare la velocità con cui crescono i salari.

  • Vendite al dettaglio

    L’indicatore delle vendite al dettaglio viene rilasciato mensilmente ed è importante per il trader di valute straniere poiché mostra la forza generale della spesa dei consumatori ed il successo dei negozi. Il rapporto è particolarmente utile poiché è un indicatore opportuno degli ampi modelli di spesa del consumatore, che vengono modificati con variabili stagionali. Esso può essere usato per prevedere le prestazioni dei più importanti Indicatori in ritardo, e valutare l’immediata direzione di un’economia.

  • Bilancia dei pagamenti

    La Bilancia dei pagamenti rappresenta il rapporto tra la somma dei pagamenti ricevuti dall’estero e la somma dei pagamenti verso l’estero. In altri termini, mostra le operazioni commerciali totali con l’estero, la bilancia del commercio e la bilancia tra esportazioni ed importazioni. Se il pagamento in entrata eccede i pagamenti alle altre nazioni e alle organizzazioni internazionali, la bilancia dei pagamenti è positiva. L’eccesso (o surplus) è il fattore favorevole per la crescita della valuta nazionale.

  • Politica fiscale e monetaria di un governo

    La stabilizzazione dell’economia (es. la piena occupazione, il controllo dell’inflazione e una bilancia dei pagamenti imparziale) è uno degli obiettivi che i governi cercano di ottenere tramite la manipolazione della politica fiscale e monetaria. La politica fiscale riguarda le tasse e le spese, la politica economica riguarda i mercati finanziari, la fornitura di credito, il denaro ed altre risorse finanziarie.

Conclusione: ci sono molti indicatori economici, e moltissimi rapporti privati che possono essere usati per valutare i fondamentali del Forex. È importante prendere tempo non solo per consultare i numeri, ma anche per capire cosa stanno ad indicare e il modo in cui influiscono sull'economia di una nazione.

 

COS’È L’ANALISI TECNICA?

L’analisi tecnica è una tecnica usata per prevedere l’andamento futuro dei prezzi attraverso lo studio di dati di mercato storici, principalmente prezzi, volume e interessi aperti.

I traders tecnici usano le informazioni di trading (come i prezzi precedenti o il volume di trading) insieme ad indicatori matematici per prendere le loro decisioni sulle negoziazioni. Questa informazione è mostrata di solito in una tabella grafica, aggiornata in tempo reale, che viene interpretata in modo da determinare quando comprare e quando vendere un determinato strumento.

La teoria Dow

Le idee di Charles Dow, il primo editore del “Wall Street Journal”, sono alla base delle moderne tecniche di analisi. Esse si basano su tre presupposti:

  1. Il prezzo è una riflessione di tutte le forze del mercato. In un qualsiasi momento, tutte le informazioni e le forze sono riflesse sui prezzi delle valute.
  2. I prezzi si muovono in tendenze (o trend) che possono essere identificate e trasformate in profitti.
  3. I movimenti dei prezzi sono storicamente ripetitivi.
  4. Vantaggi dell’analisi tecnica

    L’analisi tecnica richiede molti meno dati dell’analisi fondamentale. Da prezzi e volume, un trader tecnico può ottenere tutte le informazioni di cui ha bisogno.

    Siccome è concentrata sull'identificazione d’inversione di tendenza (o trend), con l'analisi tecnica è più facile da risolvere la questione del momento in cui negoziare.

  5. Inconvenienti dell’analisi tecnica

    L’analisi tecnica può diventare una profezia auto-avverante. Quando molti investitori usano gli stessi strumenti e seguono gli stessi concetti, cambiano insieme la domanda e l’offerta, tutto ciò può portare ad un movimento dei prezzi nella direzione prevista.

Analisi tecnica e/o fondamentale

L’analisi tecnica è uno degli strumenti più significativi disponibili per prevedere l'andamento del mercato finanziario. È stata testata e verificata quale strumento efficace per gli investitori ed è sempre più costantemente ricercata dai traders. Se usata insieme all’analisi fondamentale, l’analisi tecnica può offrire una valutazione più completa, che può fare la differenza nell’eseguire negoziazioni redditizie.

 

INDICATORI TECNICI

La tendenza (o trend) è il concetto più importante nell’analisi tecnica. Una tendenza (o trend) designa la direzione generale di un movimento del mercato. È importante identificare le tendenze (o trend) in modo da poter negoziare con esse invece che contro di esse.

Tipi di tendenze (o trend)

Una tendenza (trend) può essere:

  • In salita - chiamata “rally”; le tendenze (o trend) di mercato sono in salita
  • In discesa - chiamata “downtrend”; le tendenze (o trend) di mercato sono in discesa
  • Laterale / Orizzontale - chiamata "flat market" (mercato piatto) o "trendless" (senza tendenze, o trend) ; cioè con nessuna tendenza di mercato.

Durata delle tendenze (o trend)

Una tendenza (o trend) di qualsiasi direzione può essere classificata in base alla sua durata

  • Tendenza (o trend) a breve termine; di solito non dura più di tre settimane
  • Tendenza (o trend) intermedia; di solito dura tra le tre settimane e molti mesi
  • Tendenza (o trend) a lungo termine o tendenza maggiore; si pensa che duri per un anno ed oltre. È composta da molte tendenze intermedie, che spesso vanno nella direzione opposta alla tendenza (o trend) maggiore.

Linee di tendenza (o trend)

Una linea di tendenza (o trend) è una semplice tecnica di tabelle che consiste nel connettere i picchi alti significativi (detti peaks) o i picchi bassi (detti troughs) in modo da rappresentare la tendenza (o trend) di mercato. Queste linee vengono usate per mostrare in modo chiaro la tendenza (o trend) e anche per aiutare ad identificare l'inversione di tendenza (o trend).

Una linea di tendenza (o trend) può essere classificata come:

  • Linea di tendenza in ascesa (detta Rising trendline)
  • Linea di tendenza in discesa (detta Declining trendline)
  • Linea di tendenza laterale (detta Sideways trendline)

Esempio:

Nella tabella sotto, puoi vedere una rappresentazione di una tendenza a lungo termine in salita nella coppia di valute Euro/Dollaro, insieme con una linea di tendenza in ascesa (detta Rising trendline).

Canali

Un canale di prezzo è l’addizione di due linee di tendenza (o trend) che agiscono come forti aree di supporto e resistenza. Una linea di tendenza (o trend) connette una serie di prezzi alti (o massimi), mentre l’altra connette una serie di prezzi bassi (o minimi). Un canale può avere un’inclinazione in salita, in discesa o laterale. I traders si aspettano che una determinata sicurezza o valuta negozi tra i due livelli di supporto e resistenza prima che vada oltre uno dei due livelli. Essi usano delle linee di canale per evidenziare dove immettere un “ordine per avere profitto” o “ordini stop perdita".

Puoi visualizzare sotto la tabella di un canale in salita nell‘Indice S&P 500.

 

TABELLE

Una tabella di prezzi è una sequenza di prezzi disegnata su uno specifico arco di tempo. Nella tabella, l’asse verticale rappresenta la scala di prezzo, mentre l’asse orizzontale rappresenta il tempo.

Proprietà della tabella

Quando si esamina una tabella ci sono parecchi fattori di cui bisogna essere a conoscenza, poiché questi riguardano le informazioni fornite. Essi includono il tempo e la scala di prezzo usati.

  • Arco di tempo (o Time frame)

    Ogni barra, candela (o candlestick) o punto in una tabella contiene informazioni riguardanti un preciso intervallo di tempo. La durata di questo intervallo è l'intervallo della tabella.

    Decidere che tipo di intervallo utilizzare dipende dal tuo stile di trading e dall’orizzonte di investimento. I traders che operano in un giorno possono utilizzare intervalli brevi come quelli di 1 minuto, mentre gli “swingers” (i traders che mantengono un’operazione per diversi giorni, fino ad un paio di settimane) usano, di solito, intervalli che possono variare da qualche ora fino ad un giorno.

  • Scala di prezzo (o Price Scale)

    Ci sono due metodi per mostrare la scala di prezzo lungo l’asse y: aritmetico e logaritmico.

    Su una scala di prezzo aritmetica, ogni punto di prezzo è separato dalla stessa distanza verticale, indipendentemente dal livello di prezzo. Ogni unità di misura è la stessa ovunque nell’intera scala. Se un titolo azionario avanza da 10 a 100 in un periodo di 6 mesi, il movimento da 10 a 20 (variazione: +100%) apparirà alla stessa distanza del movimento da 90 a 100 (variazione: +11%). Anche se questo movimento è lo stesso in termini assoluti, esso non è lo stesso in termini di percentuale.

    Su una scala di prezzo logaritmica, ogni punto di prezzo è separato da una distanza verticale, che è uguale in termini di percentuale. Un avanzamento da 10 a 20 rappresenterebbe un incremento del 100%. Un avanzamento da 20 a 40 sarebbe lo stesso, al 100%, così come un avanzamento da 40 a 80. Tutti i tre avanzamenti appaiono alla stessa distanza verticale su una scala logaritmica.

Tipi di tabelle

Ci sono tre tipi fondamentali di tabelle che vengono usate dai traders in base alle informazioni che cercano e in base ai loro livelli individuali di abilità. I tipi di tabelle sono: la tabella a linee (o line chart), a barre (o bar chart) e a candela (o candlestick chart).

INTERPRETAZIONE: La tabella a candela (o candlestick chart) è strettamente connessa alla tabella a barre (o bar chart), poiché essa rappresenta i quattro prezzi più importanti: minimo, massimo, di apertura e di chiusura. Ogni candela rappresenta un periodo di tempo a tua scelta. I seguenti periodi di tempo sono offerti da diversi programmi di tabelle: 1 minuto, 15 minuti, 30 minuti, 1 ora, 2 ore, 4 ore, 8 ore, giornaliero, settimanale e mensile.

In una tabella giornaliera, ogni candela (o candlestick) rappresenta la gamma di trading in un giorno ed è mostrata come “aperto” o “chiuso”:

+ Una candela aperta rappresenta una chiusura più alta dell’apertura ed è mostrata in blu.

+ Una candela chiusa rappresenta una chiusura più bassa dell’apertura ed è mostrata in rosso.

Ogni candela consiste di 2 componenti, il corpo centrale (o real body) e le ombre (o shadows):

+ Il corpo centrale (o real body) è la parte spessa della candela che rappresenta l’apertura e la chiusura.

+ Le linee sottili al di sopra e al di sotto del corpo centrale (o real body) sono le ombre (o shadows) che rappresentano gli estremi di prezzo della sessione. L’ombra superiore (sopra al corpo centrale) misura il massimo della sessione, mentre l’ombra più bassa (sotto al corpo centrale) misura il minimo della sessione.

VANTAGGI: Quella a candela (o candlestick) è la tabella più comune usata per le analisi tecniche. Molte strategie di trading sono basate su modelli di rappresentazione a candela.

  • Tabella a linee (o Line Chart)

    INTERPRETAZIONE: La tabella a linee (o line chart) è il tipo di tabella più semplice. La linea mostrata nella tabella collega i prezzi singoli ad un periodo di tempo selezionato. La tabella a linee (o line chart) più popolare è quella giornaliera. Nonostante il fatto che ogni momento del giorno può essere indicato, la gran parte dei traders si concentra sul prezzo di chiusura, che loro considerano più importante. Comunque tutto ciò presenta un problema immediato: usando una tabella a linee (o line chart) giornaliera, non è possibile vedere l’attività del prezzo che si è verificata durante il resto della giornata.

    VANTAGGI: Una tabella a linee (o line chart) fornisce al trader un’idea abbastanza precisa su quando il prezzo di una risorsa è variato in un determinato periodo di tempo (o time frame).

  • Tabella a barre (o Bar Chart)

    INTERPRETAZIONE: Ogni barra verticale rappresenta un periodo di attività di prezzo in una periodicità prescelta, che può essere breve, come un minuto per le tabelle giornaliere, o lunga come parecchi anni per le tabelle storiche. Su una tabella giornaliera, la barra verticale rappresenta il trading in un giorno in base a cui:

    + La parte alta della barra rappresenta il prezzo massimo di mercato

    + La parte bassa della barra rappresenta il minimo

    + Il cancelletto sinistro sulla barra indica il prezzo d’apertura

    + Il cancelletto destro sulla barra indica il prezzo di chiusura

    VANTAGGI: Includendo le informazioni di apertura e chiusura e di massimo e minimo, la tabella a barre (o bar chart) permette un’analisi più dettagliata rispetto ad una tabella a linee (o line chart) normale.

  • Tabella a candela (o Candlestick Chart)
 

SUPPORTO E RESISTENZA

Supporto e Resistenza sono linee che illustrano la continua battaglia tra acquirenti (detti bulls) e venditori (detti bears).

  • I livelli di supporto indicano il prezzo in cui una maggioranza di investitori crede che i prezzi si muoveranno in salita. Quando il prezzo diminuisce verso il supporto, e diventa più economico, gli acquirenti sono più inclini a comprare e i venditori meno inclini a vendere.
  • I livelli di resistenza indicano il prezzo in cui una maggioranza di investitori crede che i prezzi si muoveranno verso il basso. Quando il prezzo cresce verso la resistenza, e diventa più alto, i venditori sono più inclini a vendere e gli acquirenti meno inclini a comprare.

Sotto puoi vedere un grafico che rappresenta il supporto e la resistenza della coppia Euro/Yen:

Finché il prezzo di un titolo si muove tra il livello di supporto e quello di resistenza, la tendenza (o trend) probabilmente continua. Una rottura oltre il livello di supporto o quello di resistenza può essere segno di:

  • Un’accelerazione di una tendenza (o trend)
  • Un’inversione di una tendenza (o trend)

Quando un livello di resistenza è superato, il suo ruolo è invertito e diventa un livello di supporto. Analogamente, quando un livello di supporto è superato, quel livello diventa un livello di resistenza.

Sotto puoi vedere un grafico che rappresenta una tendenza (o trend) di accelerazione nella coppia Dollaro AUS/Yen, dove un livello di resistenza diventa livello di supporto:

L’analisi di supporto e resistenza è usata dai traders tecnici per prendere decisioni sulle negoziazioni e identificare quando una tendenza (o trend) accelera o si inverte. Essere a conoscenza di questi importanti livelli potrebbe influire sul tuo trading e aiutarti significativamente a migliorare le tue negoziazioni.

Linee di trend

Una linea di trend consiste in una linea retta che connette i picchi alti (peaks)  o i bassi (throughs)  significanti.A trendline simply consists of a straight line connecting the significant highs (peaks) or the significant lows (troughs). Le linee di trend possono essere classificate cosìFollowing in the tracks of the trend directions, the trendlines may be classified as:

1. Rising trendlines (linee di trend in ascesa).

2. Declining trendlines (linee di trend in discesa)

3. Sideways trendlines ( linee di trend laterali.

Di seguito esempi di   rising trendline - un rally - e una   declining trendline – un trend in discesa.

  • Modelli di inversione di trend

Modelli di inversione di trend sono tabelle grafiche che indicano un cambio di tendenza. Anche se ci sono diversi grafici di inversione, qui ci limiteremo a due:

Doppio massimo/ Doppio minimo

Uno dei modelli di inversione più comuni è quello del doppio massimo e della sua controparte, doppio minimo. Il doppio massimo come implica il nome consiste di due picchi simili separati da una flessione moderata. Il doppio massimo si forma al culmine di una tendenza rialzista con l'apparizione di un primo ripiegamento, un successivo rimbalzo a livello del precedente picco e, infine, un ultimo ribasso al di sotto del supporto passante per l'avvallamento formatosi tra i due picchi. Il doppio massimo forma un periodo di uptrend lungo, e, normalmente, segna un cambio di trend medio se non lungo, tra un sentimento aggressivo o restìo nel cambio di prezzo. Anche se molti potenziali doppio massimo potrebbero formare un uptrend, l'inversione non può essere confermata fino a chè il prezzo chiave di supporto non è stato rotto.

Il doppio minimo è esattamente l'opposto: questo modello di inversione significa un cambio tra essere aggressivi o restìi ed è fatto di due minimi consecutivi più o meno uguali, separati da un picco moderato.

Esempio di doppio massimo:

Massimo testa e spalle/ minimo testa e spalle

Un modello di massimo di Head and Shoulders si forma dopo un "uptrend" e il suo completamento segna un' inversione di trend. Il modello contiene tre successivi picchi con il picco medio, la testa, che è il più alto e i due picchi esternin, le spalle,  che sono più basse ma quasi uguali. La reazione abbassa i primi due picchi formando di solito un supporto o scollatura. 

Un grvico di inversione testa e spalle si forma dopo un trend al ribasso e il suo completamento segna anche un trend di inversione. In questo caso il grafico contiene tre successive flessione con la flessione minima, la testa, che è la più bassa e le due esterne, le spalle, che sono più o meno uguali. Gli alti di reazione delle prime due flessioni formano una resistenza o scollatura.

Un principio importante nella formazione di testa e spalle è che la scollatura (neckline) che è servita precedentemente come supporto, diventi resistenza dopo che si è rotto (o, nel caso di minimo, la resistenza diventa supporto). Se il prezzo dovesse ritornare al di sopra della scollatura, non si tratterebbe più di un modello  testa e spalle.

Esempio di massimo testa e spalle:

  • Modelli di continuità

modelli di continuità indicano una pausa in un trend che implica che la direzione precedente riprenderà dopo un breve periodo di tempo.

Canali di prezzo

Un canale di prezzo è un modello di continuità che è legato da una linea di trend e una linea di ritorno. Un canale di prezzo può inclinarsi in alto, in basso o per niente. Dipendentemente dall'incinazione del canale, ogni linea può servire come supporto o come resistenza. I canai di prezzi con negativi, inclinazione verso il basso, sono considerati bearish; quelle con positivi sono considerati bullish. Canali orizzontali non sono né bearish né bullish ma riflettono semplicemente una pausa nel trend.

Per disegnare un canale di prezzo bullish è necessario avere almeno due higher-lows e due paralleli o or higher-highs. Al contrario per disegnare un canale di prezzo bearish sono necessari due lower-highs e parallelo, o lower-lows.

Anche se i canali si riferiscono normalmente come modello di continuità, ci sono delle eccezioni con un'inversione di trend che potrebbe avvenire. In questi casi di solito i prezzi non ce la fanno a toccare la linea di ritorno prima di cadere in quello che potrebbe essere un segno precoce di inversione di impendenza.

I canali hanno anche implicazioni quantitative. Una volta che un'azione di prezzo rompe la linea di canale, i prezzi viaggiano di solito a distanza uguale ad almeno a dimensione del canale.

Dal momento che l'analisi tecnica è un'arte quanto una scienza, c'è spazio per flessibilità.  Anche se i contatti di linee di trend esatte sono ideali, è lasciato ad ogni individuo il giudizio di rilevanza  e piazzamento della linea di trend principale e della linea di canale. Ugualmente, una linea di canale che è esattamente parallela alla linea del trend principale, è ideale.

Symmetrical Triangle - Triangolo simmetrico

I triangoli simmetrici si formano di solito durante un trend come Modello di continuità. I Modello consistono almento di due  lower-highs e due higher-lows. Quando le linee che connettono questi punti sono estese, convergono e risultano in un triangolo simmetrico.

I triangoli simmetrici hanno sia implicazioni di misura che di tempo. Una volta che il prezzo viola i limiti del triangolo, i prezzi tendono a viaggiare a distanza uguale a quella della base del triangolo o di più (guarda l'esempio di seguito). Dal punto di vista del tempo, la violazione del triangolo dovrebe avvenire tra metà e due terzi lungo la distanza della base all'afide, cioè l'altezza del triangolo.

Un triangolo simmetrico. La rottura è tra metà e due terzi della distanza tra la base del triangolo e il suo afide. La dimensione della rottura sarà almeno così alta come la base del triangolo.

Flags e Pennants

Questi due simili modelli di continuazione si creano nel punto medio del movimento di prezzo e possono essere identificati e distinti dalla forma del loro corpo. Un rettangolo inclinato leggermente contro il trend, Flag, e un triangolo nel caso di un Pennant. Entrambi segnano una piccola consolidazione del movimento di prezzo, anche se per poter essere considerati dei pattern di continuità dovrebbe esistere un'evidenza di un trend precedente. Flags e pennants sono normalmente preceduti da un marcato avanzamento o declino nella direzione del trend, che fornisce la forma di "flagpole" nella tabella. La rottura dal pattern dovrebbe avere un prezzo minimo uguale alla lunghezza del flagpole.

Una Bullish Flag. Quando si crea una rottura, il prezzo minimo è uguale alla dimensione del flagpole.

 

FARE TRADING USANDO GLI INDICATORI TECNICI

Se decidi di fare trading utilizzando il metodo dell’analisi tecnica, il primo passo da fare è quello di prendere familiarità con gli indicatori più semplici e poi successivamente approfondire introducendo gradualmente strumenti più complessi.

Gli indicatori sono dei segnali visuali che vengono tracciati sui grafici e sono il risultato di calcoli matematici che prendono in considerazione dati come il volume ed il prezzo variabile in un determinato periodo temporale.

Questi segnali indicano il comportamento del nostro cross e se interpretati correttamente danno segnali importanti sulla direzione futura.

Se vuoi imparare questo metodo di trading senza complicarti la vita, ti consiglio di studiare un indicatore alla volta. Quando avrai imparato a interpretare con precisione il primo indicatore potrai passare ai successivi.

In ogni caso non utilizzarne troppi alla volta, anche quando sarai più esperto. Un grafico “disordinato” e pieno di segnali potrebbe creare confusione e farti mancare buone opportunità di ingresso o di uscita.

Ricorda che questi strumenti sono da considerare unicamente come un aiuto alla tua analisi. Purtroppo non sono in grado di prevedere il futuro, ma danno indicazioni statistiche per prendere una decisione più consapevole.

Da dove partire

Innanzitutto è utile separare concettualmente due termini che sono ampiamente utilizzati: indicatori e oscillatori.

I primi sono disegnati direttamente sul grafico e indicano la situazione del nostro cross. I secondi invece sono tracciati al di fuori del grafico principale e si muovono entro valori di riferimento o all’interno di un minimo e di un massimo.

Di seguito troverai alcuni degli indicatori e degli oscillatori più importanti. Essi rappresentano la base su cui costruire le tue conoscenze future. Se vuoi esercitarti anche tu, ma non hai ancora nessuno strumento per fare trading, puoi scaricare MetaTrader dalla sezione download e mettere in pratica gratuitamente le nozioni che apprenderai in questo e negli altri articoli della guida.

La media mobile

Questo indicatore è stato trattato ampiamente nella guida, ed è molto semplice da applicare. In inglese viene chiamato moving average e può essere semplice, esponenziale o pesata. Sul grafico è una linea che attraversa le candele dei prezzi.

moving average su grafico EURUSD

La media mobile è la linea blu che attraversa le candele – Clicca per ingrandire

Puoi impiegare la media mobile per confermare il trend in corso e generare segnali di trading usando la tecnica delle convergenze spiegate nell’articolo di approfondimento su questo strumento.

L’RSI, ovvero il Relative Strenght Index

Questo strumento è molto utile per determinare situazioni di ipercomprato e ipervenduto. Viene approfondito in questa pagina, nella quale viene spiegato come applicarlo e come individuare inversioni del prezzo.

relative strenght index

L’oscillatore RSI applicato al di sotto del grafico principale – Clicca per ingrandire

Puoi abbinare l’RSI alla media mobile, oppure utilizzarlo individuando pattern di doppio minimo o doppio massimo. Se non sai che cosa sono, clicca su “Guida” nel menu in alto e dai una lettura alla sezione “Guida Livello Avanzato”.

Il MACD

Il moving average convergence divergence (MACD) è un altro oscillatore molto interessante, che è bene conoscere. Serve per individuare segnali di vendita o di acquisto.

Puoi approfondirlo qui imparando una tecnica efficace di trading.

Se utilizzi MetaTrader ti consiglio di non utilizzare l’indicatore di default, ma applicare il MACD che puoi scaricare nell’area download del nostro sito. Quest’ultimo ti fa risparmiare tempo prezioso perchè ha la signal line calcolata automaticamente e ti permette di entrare in gioco rapidamente.

Moving Averages convergence divergence

Il MACD in azione – Clicca per ingrandire

Questi che hai appena visto sono tra gli indicatori più importanti, che ogni trader dovrebbe conoscere come le proprie tasche.

Come hai appreso poco fa, il metodo più efficace è quello di non complicarti la vita riempiendo il grafico con mille figure che non fanno altro che creare confusione. Usa un numero ragionevole di indicatori e se vuoi usarne di più alternali in modo da avere sempre un’immagine pulita.

Leggendo la guida potrai approfondire la conoscenza di questi indicatori o impararne di nuovi.  MetaTrader è senza dubbio uno dei migliori software per imparare a fare trading sul Forex.